Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘I giochi di SM’ Category

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Tutti a caccia della KunLeox16!

Torna anche quest’anno, dopo la bella stagione scorsa, il fantacalcio di Sciabolata Morbida.
Ancora una volta ad ospitarci sarà Fantagazzetta.

La procedura per iscriversi è sempre la stessa: lasciatemi il vostro indirizzo mail (qui, su Facebook o su Twitter) così che possa inviarvi l’invito. Ed il gioco sarà fatto!

Riporto quindi qui il succo del regolamento della nostra Lega, restando a disposizione per ulteriori chiarimenti.

  • Rose

Il numero dei giocatori è predefinito: 3 portieri, 8 difensori, 8 centrocampisti e 6 attaccanti.
Ovviamente, essendo un fantacalcio a cui parteciperanno diverse decine di persone, un singolo giocatore potrà essere acquistato da più team.

  • Mercato

300 crediti a disposizione di ogni fantamanager (50 in meno rispetto all’anno scorso, per chi ci giocò). Le quotazioni sono quelle ufficiali rilasciate da Fantagazzetta (le trovate qui).
Il mercato aprirà alla mezzanotte di lunedì 31 agosto, ovvero dopo la seconda giornata di Serie A. Chiuderà quindi alle 17 di venerdì 11 settembre 2016, alla vigilia della terza giornata di Serie A.

Il mercato di riparazione aprirà invece alle 23.01 di lunedì 1 febbraio 2016 e si chiuderà alle 17 di sabato 6 febbraio 2016.

  • Formazioni

Le formazioni vanno inserite entro e non oltre i quindici minuti prima dell’inizio del primo match di giornata. Il sistema non accetterà ritardi oltre questo limite temporale.
I moduli utilizzabili sono: 4-4-2, 4-3-3, 4-5-1, 5-4-1, 5-3-2, 3-4-3, 3-5-2, 3-6-1, 6-3-1.
Qualora un fantamanager dimenticasse di fare la formazione il sistema provvederebbe a schierare in automatico la squadra della settimana precedente.

  • Impostazioni di calcolo

Bonus/malus:
Goal segnato +3
Goal subito -1
Rigore sbagliato -3
Rigore parato +3
Ammonizione -0.5
Espulsione -1
Assist +1
Autogoal -2
Goal decisivo pareggio +0.5
Goal decisivo vittoria +1

Fonte voti e cartellini
La fonte è la redazione di Napoli di Fantagazzetta.
I voti saranno espressi con due decimali.

Sostituzioni
Numero massimo di 3 sostituzioni.
Il sistema seguirà l’ordine dei giocatori schierati in panchina ed avrà la possibilità, se necessario, di cambiare il modulo in corsa (ovviamente restando dentro la rosa di moduli illustrati al punto 3 di questo regolamento).

Modificatori
Non è previsto l’uso dei modificatori.

  • Competizione

Royal Rumble, il classico tutti contro tutti: chi fa più punti vince!

Annunci

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Dopo avervi illustrato il regolamento del Fantacalcio di Sciabolata Morbida, ecco a voi la rosa da me scelta per parteciparvi (assieme ad altri 94 FantAllenatori che hanno raccolto la mia sfida sui social).

Partiamo dalla porta.

Sinceramente ci ho messo abbastanza a decidere.

Con l’addio di Antonio Conte la Juventus temo infatti possa non essere più il fortino quasi imperforabile degli ultimi tre anni, così che le prestazioni dei loro estremi difensori potrebbero risentirne.

Al tempo stesso qualche dubbio nasce sulla Roma, che oltre a non avere un super interprete del ruolo ha anche una difesa rivisitata rispetto alla scorsa stagione, che per altro sarà impegnata anche in Champions.

Il Napoli dietro non mi convince. In più, Rafael non è Reina.

E via così.

Dovessi scegliere semplicemente un portiere prenderei sicuramente Handanovic. Ma contando molto anche la squadra, trattandosi di non subire goal e quindi in primis azioni pericolose, alla fine la scelta è caduta su Gianluigi Buffon, con Storari e Rubinho come secondo e terzo.

Vedremo se pagherà.

La difesa vede invece un grande apporto di terzini, per lo più giovani. Con un “grande vecchio” a far da chioccia e guidare il gruppo: Nemanja Vidic.

Assieme a lui ho quindi puntato sull’interista Dodò. Giocatore di classe e qualità, da terzino puro mette in mostra diverse lacune difensive. Da fluidificante potrebbe però sfruttare meglio le sue capacità in fase offensiva. E chissà, regalarmi qualche soddisfazione.

Come giovani terzini ho puntato anche sulla freschezza e le qualità di De Sciglio (non mi convince fino in fondo, sia perché il Milan è un punto interrogativo che per la sua fragilità fisica), Vrsaljko (sperando strappi un posto da titolare, dato che pare non debba giocare la prossima) e Zappacosta (il titolarissimo dell’under 21, chiamato a confermarsi anche in Serie A), con Sorensen che può disimpegnarsi bene sia al centro che sulla fascia.

A completare la rosa c’è quindi la scommessa Bianchetti (capitano e colonna dell’under 21, con cui si laureò già vicecampione europeo l’anno scorso, non può fare la riserva ad Empoli) ed il buon Darmian, chiamato a confermare l’ottima stagione dell’anno scorso.

A centrocampo ecco quindi un mix di affidabilità, freschezza e cuore.

Innanzitutto niente Vidal. Che vuol dire molto, dato che amo l’attuale corso cileno (di cui ho parlato anche qui). Però la paura per le sue condizioni fisiche (il ginocchio preoccupa e ha fatto desistere le pretendenti di mercato, in più dovrà stare fermo i prossimi venti giorni per un problema muscolare) mi hanno fatto desistere dall’acquisto. Potrebbe sempre rientrare in squadra durante il mercato di riparazione, quando si sarà testato sul campo.

Due cileni, comunque, li ho acquistati: il pitbull Medel, giocatore che amo profondamente vista la garra che trasmette in campo, ed il redivivo Pizarro, geometrie e piedino fatato in un corpo sempre più segnato dal tempo.

Se ho scartato Vidal ho invece deciso di acquistare il suo compagno di merende, Paul Pogba. Rinnovo vicino e la necessità di confermare – e implementare – quanto fatto vedere nei primi due anni di Juve. Dovrebbe essere una delle sicurezze della mia squadra.

Con lui, a centrocampo, anche quel Borja Valero che amo follemente dai tempi del Villareal. Un giocatore che dissi lungamente andasse acquistato e che arrivò solo con la retrocessione del Sottomarino Giallo in Liga Adelante.
Oggi è una certezza.

Tra le sicurezze della mediana anche un altro spagnolo, Callejon. Partito col freno a mano un po’ tirato in questa stagione, dovrebbe garantire una decina di goal, che per un centrocampista – pur spiccatamente offensivo – non sono un brutto bottino.

Ci sono poi due giovani italiani: quel Soriano che sponsorizzo dai tempi in cui lasciò il Bayern per tornare in Italia (ci ha messo un po’, ma adesso si parla addirittura di nazionale maggiore per lui) e quel Crisetig che si mise in bella mostra con l’under 17 del 2009, squadra che mi è rimasta nel cuore (peccato Fossati e Carraro non siano “arrivati”).

A completare il reparto ci pensa quindi l’unico giocatore che non ho comprato per questioni di “affetto” ma per semplice utilità: Josip Ilicic.
Visto l’infortunio di Giuseppe Rossi…

Il punto focale di ogni FantaSquadra, però, è sempre l’attacco. Ed il mio posso dire essere bello robusto, visti i tanti soldi a disposizione (è il primo anno di FantaSM, i fondi andranno sicuramente ricalibrati l’anno prossimo).

Così ho potuto dare alla mia fase offensiva forti tinte albicelesti. Le due star del gruppo sono infatti bomber Higuain, sfortunato protagonista dell’ultima finale Mondiale, e l’Apache Tevez, due giocatori che possono dominare, con la loro qualità, un campionato sempre più povero come il nostro. Indubbio dire che da una coppia così non posso che aspettarmi 35-40 goal.
Che Dio me la mandi buona.

La banda argentina si completa quindi col golden boy nerazzurro Mauro Icardi, altro giocatore che seguo fin da tenera età.
Un ragazzo che per me arriverà a segnare almeno 20 goal in un singolo campionato di Serie A, perché ne ha le qualità. Avendolo comprato, spero lo faccia già quest’anno.

Attacco molto giovane, il mio.

Al classe 93 Icardi affianco infatti il classe 92 El Shaarawy, chiamato alla definitiva consacrazione. Le qualità le ha tutte. Ora deve solo trovare continuità. Speriamo non si rompa.

Ma non solo. C’è infatti anche un altro classe 93, il bomber dell’under 21 Belotti.

In realtà tra i giovani attaccanti avrei voluto Zaza, che probabilmente al posto del Faraone poteva anche starci. Ma lo conosco e seguo da troppo tempo per non dargli un incoraggiamento così, puntando su di lui.

Infine a chiudere il conto è il più giovane dell’intera rosa, Federico Bernardeschi. Un giocatore che sui social vi avevo segnalato già un anno fa e che dopo la bella stagione di Crotone ha stregato sia Prandelli, che Montella, che Di Biagio.

Anche lui, purtroppo infortunatosi giusto ieri con l’under 21, potrebbe beneficiare della lunga assenza del povero Pepito…

________________________________________________________________

Facebook      Twitterblog      Twitterpersonale      G+      Youtube      Instagram

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Dopo la bella esperienza del FantaMondiale su Magic (vinto dalla Worms FC, per chi non lo sapesse) eccoci alla prima edizione del FantaSM di Serie A!

Questa volta, essendo quello di Magic a pagamento, cambio di piattaforma: sarà Fantagazzetta ad ospitarci.

Chiunque fosse interessato a partecipare non deve far altro che lasciarmi il proprio indirizzo mail (qui, su Facebook o su Twitter) così ch’io possa invitarlo.

A seguire, un breve regolamento di quello che sarà la nostra Lega.

1. Rose

Il numero dei giocatori è predefinito: 3 portieri, 8 difensori, 8 centrocampisti e 6 attaccanti.
Ovviamente, essendo un fantacalcio a cui parteciperanno diverse decine di persone, un singolo giocatore potrà essere acquistato da più team.

2. Mercato

350 crediti a disposizione di ogni fantamanager. Le quotazioni sono quelle ufficiali rilasciate da Fantagazzetta (le trovate qui).
Il mercato è stato aperto alle 17 del 26 agosto e chiuderà alle 12 del 12 settembre, prima dell’inizio della seconda giornata di Serie A (prima giornata ufficiale del FantaSM).
2.1 Mercato di riparazione
A gennaio sarà previsto un mercato di riparazione. Indicativamente coinciderà con quello di Serie A, anche se finirà qualche giorno più tardi. Ulteriori comunicazioni saranno fornite ai fantamanager durante lo sviluppo del gioco.

3. Formazioni

Le formazioni vanno inserite entro e non oltre i quindici minuti prima dell’inizio del primo match di giornata. Il sistema non accetterà ritardi oltre questo limite temporale.
I moduli utilizzabili sono: 4-4-2, 4-3-3, 4-5-1, 5-4-1, 5-3-2, 3-4-3, 3-5-2, 3-6-1, 6-3-1.
Qualora un fantamanager dimenticasse di fare la formazione il sistema provvederebbe a schierare in automatico la squadra della settimana precedente.
3.1 La panchina
I panchinari selezionabili sono massimo 12, 3 per ruolo.

4. Impostazioni di calcolo

4.1 Bonus/malus
Goal segnato +3
Goal subito -1
Rigore sbagliato -3
Rigore parato +3
Ammonizione -0.5
Espulsione -1
Assist +1
Autogoal -2
Goal decisivo pareggio +0.5
Goal decisivo vittoria +1
Portiere imbattuto (deve aver giocato almeno 25 minuti) +1

4.2 Fonte voti e cartellini
La fonte è la redazione di Napoli di Fantagazzetta.
I voti saranno espressi con due decimali.

4.3 Sostituzioni
Numero massimo di 3 sostituzioni.
Il sistema seguirà l’ordine dei giocatori schierati in panchina ed avrà la possibilità, se necessario, di cambiare il modulo in corsa (ovviamente restando dentro la rosa di moduli illustrati al punto 3 di questo regolamento).

4.4 Punteggio
Ogni squadra segnerà il suo primo goal al raggiungimento dei 66 punti. Il secondo verrà segnato totalizzando 4 punti in più (70). Il terzo con altri cinque punti in più (75). Il quarto con altri sei (81) e il quinto con altri sette (88). Dal sesto in poi serviranno otto punti per realizzare un goal.

4.5 Modificatori
Non è previsto l’uso dei modificatori.

5. Competizioni

Royal Rumble, il classico tutti contro tutti: chi fa più punti vince!

________________________________________________________________

Facebook      Twitterblog      Twitterpersonale      G+      Youtube      Instagram

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Il tunnel che porta al campo è lungo, quasi infinito.

Percorrerlo stando a un metro dai tuoi avversari ti fa capire che è arrivato il tuo momento.

Sono anni che lo sogni, e finalmente la realizzazione è vicina: ancora pochi passi e il tintinnio dei tacchetti sulle piastrelle verrà soffocato dall’erba.

Un manto erboso curato alla perfezione, regolare, senza buche né zolle.

E una volta lì il tuo sguardo si alzerà sull’imperiosità di quelle tribune, dove i seggiolini bianchi e rossi giocando a rimpiattino fra loro finisco col disegnare un immenso cannone, simbolo di una delle più gloriose società calcistiche d’Inghilterra, patria dei maestri del pallone.

E lì il tambureggiamento del tuo cuore diventerà irregolare come in uno stallo alla messicana, la gola ti si seccherà come se ti fossi perso nel deserto e le gambe tremeranno più che se ti trovassi ad esplorare il polo…

Un susseguirsi di emozioni che stimoleranno le tue ghiandole surrenali come mai prima, per un’inondazione di adrenalina capace di defibrillare un cuore in arresto.

Tu, il pallone, l’Emirates Stadium… un sogno.

Ma non c’è sogno che non possa essere realizzato.

Io l’anno scorso ci andai vicino, ma i tempi non erano ancora maturi.

Come qualcuno forse ricorderà, infatti, la scorsa estate sbarcai a Londra come ospite di Indesit, che presentò i suoi accordi di sponsorizzazione con tre delle principali squadre del continente: Milan, Arsenal, PSG e Shakhtar Donetsk.

Inutile dirlo: fu una grandissima esperienza. Che cominciò con un torneo di calciotto in cui potei giocare assieme ad un mito come Pietro Vierchowood e contro a due ex calciatori di alto livello come il francese Alain Roche e l’inglese Ray Parlour.

Il giorno dopo, poi, fummo ospitati nel Diamond Club dell’Emirates, dove mi potei godere la seconda giornata dell’Emirates Cup. In un certo qual senso conquistando – almeno – gli spalti dello stadio londinese.

Quest’anno, però, Indesit ha deciso di puntare ancora più in alto. E dare la possibilità a qualcuno di voi di conquistare il terreno di gioco di uno degli stadi più affascinanti che il panorama calcistico europeo offre al giorno d’oggi.

E chi non sogna di poter giocare in un campo importante come quello dell’Arsenal, calcato da grandi giocatori come Robin Van Persie e in cui solo poche settimane fa il Milan stava per lasciarci le penne nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League?

E allora proprio per provare a ricalcare le orme di Ibrahimovic e soci non posso che consigliarvi di andare sul sito Indesit Football Talents e partecipare al concorso.

I migliori di voi saranno selezionati e sottoposti a una giuria di eccezione.

Chi supererà quest’ulteriore scrematura realizzerà il sogno di tanti di noi: calcare il terreno di uno stadio tra i più importanti d’Europa, il magico Emirates di Londra.

E allora… buona fortuna! Magari ci vedremo lì…

________________________________________________________________

Profilo Twitter personale: http://twitter.com/#!/Mahor17
Profilo Twitter blog: http://twitter.com/#z!/sciabolatablog
Pagina Facebook blog: http://www.facebook.com/sciabolatamorbida

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Giocare piace a tutti e allora per una volta facciamolo anche noi.

Vestiamo quindi i panni di un magnate (russo, americano o arabo, a vostro piacimento) e fingiamo l’acquisizione di una squadra che sappiamo disputare la prossima Serie A.

Azzeriamone poi la rosa e divertiamoci a costruirne una da zero. Il tutto con un duplice intento: essendo imprenditori, infatti, andremo alla ricerca degli affari migliori, specialmente a costo zero, nel tentativo di allestire una rosa di livello. Da una parte, quindi, terremo in grande considerazione l’aspetto tecnico-tattico della cosa, il tutto però sempre senza ignorare il lato economico della faccenda: costruire in definitiva la miglior squadra possibile con il minimo esborso.

Una volta completata la rosa spazio a voi ed alle vostre opinioni: dove potrà arrivare la squadra costruita?

Prima di iniziarne la costruzione, comunque, doveroso darvi il riferimento del sito su cui mi baserò per le valutazioni economiche dei giocatori, ovvero sia Transfermarkt.
Valutazioni indicative, quindi, e su cui sicuramente tutti avremmo da ridire.

Iniziamo coi portieri, allora.
In questo senso l’intendimento della società è assolutamente chiaro: un titolare di livello assoluto, una riserva d’esperienza ed un terzo portiere giovanissimo ma dalle potenzialità notevoli.

E chi può rispondere a quest’identikit meglio di Manuel Neuer, Edwin Van der Sar e Mattia Perin.

Il primo, valutato 24 milioni di euro dalla bibbia del calciomercato, è in assoluto uno dei migliori interpreti al mondo del momento. Venticinquenne estremo difensore dello Schalke 04 il giovane tedesco è dotatissimo sotto ogni punto di vista. Per qualcuno è già il migliore in assoluto, per me sicuramente lo può diventare nei prossimi anni.
Investimento piuttosto pesante (si parla di quasi cinquanta miliardi del vecchio conio) ma molto più che valido: metti Neuer in porta e sei a posto per diversi anni.

Il suo secondo sarebbe invece il quarantenne Van der Sar, ormai alle porte della pensione. Vecchiarello, certo, ma anche ieri sera, nel ritorno dei quarti di Champions contro il Chelsea, ha dimostrato di poter ancora reggere certi palcoscenici.
Van der Sar che garantirebbe ottima copertura a Neuer e potrebbe fare al meglio da chioccia per il terzo portiere della squadra, quel Mattia Perin che è in assoluto uno dei migliori under 20 europei per ciò che concerne il ruolo. Perin che sarebbe acquistato, secondo la valutazione di Transfermarkt, per 700mila euro e che potrebbe garantire continuità sul lungo termine arrivando anche un giorno, chissà, ad insidiare il buon Neuer.

Per ciò che concerne la difesa l’idea sarebbe invece quella di schierare una linea classica a quattro uomini. Assolutamente necessario, quindi, acquistare almeno quattro terzini, più qualche centrale.

Per presidiare la fascia destra si potrebbero acquistare, con una spesa totale di 4 milioni e mezzo, il nipponico Atsuto Uchida ed il nigeriano Chidi Odiah.

Il primo è l’alter ego del buon Yuto Nagatomo e sarebbe una scommessa che varrebbe la pena di fare. In Germania si è ambientato piuttosto bene ed è indubbiamente uno dei punti di forza di quello Schalke che proprio stasera dovrebbe, a meno di imprese incredibili da parte interista, eliminare l’ultima squadra italiana rimasta in Europa.

Il secondo è invece un ventisettenne terzino africano in forza al CSKA Mosca dal 2004. Grande esperienza per lui che in carriera ha giocato in tre nazioni diverse arricchendo alla grande il proprio palmares che conta un campionato nigeriano vinto con il Julius Berger, quattro campionati e due coppe moldave vinte con lo Sheriff Tiraspol, due campionati, quattro coppe e tre supercoppe russe vinte con il CSKA. In più, a livello internazionale, Chidi vanta anche una Coppa dei Campioni della CSI vinta con lo Sheriff ed una UEFA riportata con la squadra moscovita, più due medaglie di bronzo riportate in Coppa d’Africa (rispettivamente nel 2006 e nel 2010).
Non è un nome conosciutissimo in Italia, ma resta comunque giocatore piuttosto solido che, acquistato a zero, sarebbe un buon back-up per il titolarissimo Uchida.

Sulla fascia opposta spazio invece a due parametri zero di grande valore: lo svizzero Reto Ziegler e – anche qui – il nigeriano Taye Taiwo.

Il primo non ha bisogno di presentazioni: gioca in Italia – specificamente nella Sampdoria – dal 2007 e nel corso di questi anni è cresciuto molto, sino a diventare uno dei migliori interpreti nel ruolo dell’intera Serie A. Il suo acquisto sarebbe quindi doveroso, così come non si dovrebbe fare a meno di mettere le mani su Taiwo (che per altro nella realtà pare essere vicino al Milan).

25enne terzino mancino in forza all’OM Taiwo è uno dei giocatori più interessanti dell’intera Ligue 1, dove gioca dal 2004. In carriera si è già tolto diverse soddisfazioni tra cui vale la pena ricordare l’argento guadagnato tre anni fa alle Olimpiadi di Pechino.

Se sulla destra effettueremmo un paio di scommesse comunque piuttosto sicure sulla sinistra potremmo invece costruire un tandem di terzini di assoluto valore senza spendere un centesimo per i cartellini.

A puntellare la difesa centralmente, poi, altri due parametri zero: Philippe Mexes ed Alessandro Nesta. Anche in questo caso c’è poco da dire, perché i due non hanno assolutamente bisogno di presentazioni. Si può solo aggiungere, ai loro nomi, il fatto che costruire una coppia del genere senza scucirci soldi sarebbe davvero tanta roba.

Differente, invece, la situazione inerente la batteria di centrali di riserva. Posto che Nesta è ormai vicino alla pensione e Mexes sta per entrare nei fatidici trent’anni ecco che alle loro spalle vanno inseriti giocatori ben più giovani, che possano dare continuità sul lungo periodo al nostro progetto. Per farlo, però, vanno scuciti un po’ di soldi.

Ecco quindi che la prima riserva sarebbe Simon Kjaer, altro giocatore che non ha grande bisogno di presentazioni: vecchia conoscenza del nostro calcio, difatti, il ventiduenne centrale danese sarebbe acquistabile versando 11 milioni di euro al Wolfsburg. Kjaer che garantirebbe una buona affidabilità nell’immediato e che potrebbe crescere molto allenandosi all’ombra di un campionissimo come Nesta. Essendo così giovane, poi, avrebbe possibilità di raccogliere proprio l’eredità dell’ex Campione del Mondo 2006.

Alle spalle dei primi tre centrali, quindi, un duo di classe ’92 di assoluto valore: Michele Camporese e Kyriakos Papadopoulos.

Ragazzini molto validi oggi ma soprattutto dalle potenzialità incredibili. Per entrambi, che stanno già iniziando a saggiare il campo da titolari rispettivamente nella Fiorentina e nello Schalke, si profila infatti un futuro da protagonisti. Ed ecco che se Mexes e Nesta sarebbero una coppia d’oro oggi questi due potrebbero diventarlo un domani.
La spesa complessiva, in questo caso, ammonterebbe a soli cinque milioni di euro.

A centrocampo, esattamente come per ciò che concerne la batteria di portieri e quella dei difensori, si punterebbe su di un mix tra talento e corsa, esperienza e freschezza. Il tutto acquistando due soli giocatori scucendo del cash, per poi affidarsi esclusivamente a parametri zero.

I tre titolari in mediana sarebbero Javier Mascherano, Andrea Pirlo e Christian Noboa, con Eden Hazard schierato sulla trequarti, per una spesa complessiva di 43 milioni di euro (25 spesi per Mascherano, 18 per Hazard).

Centrocampo, questo, sulla carta davvero molto ben assortito: alla tenacia ed ai polmoni di Mascherano, deputato a fare da ruba palloni là in mezzo, si unirebbero le geometrie di uno dei registi migliori dell’ultima decade e la ficcantezza di Noboa, capace di contribuire a dare equilibrio alla squadra aiutando in fase difensiva quanto inserendosi alla ricerca del goal una volta in possesso di palla. Il tutto impreziosito dalla creatività di Eden Hazard, oggi uno tra i migliori under 20 al mondo.

Cosa chiedere di più?

Come riserve, poi, si potrebbe contare su giocatori come Michele Pazienza, Stephen Ireland, il giovanissimo Mats Rits o il buon Per Ciljan Skjelbred, tutti acquistabili a parametro zero. Senza dimenticarci, ovviamente, del già citato Papadopoulos, che, come visto nell’andata dei quarti contro l’Inter, può essere schierabile senza problemi anche in mediana.

Batteria di riserve di discreto valore che punterebbe tutto sulle capacità tecniche di uno dei punti di forza del Napoli di Mazzarri, sulla verve dell’ex citizens, sulla freschezza del pittore di Anversa e sulle capacità rifinitorie di Skjelbred.

Là davanti, infine, la coppia di attaccanti titolari sarebbe CavaniHulk, valutati complessivamente 40 milioni di euro.

Coppia di assoluto valore, che metterebbe assieme due giocatori dal super atletismo e dalle ottime doti tecniche. Ma non solo: due giocatori con un grande feeling col goal, come dimostra quest’ultima annata. Coppia d’oro, insomma, che potrebbe trascinare lontano la nostra squadra.

Sottotono, invece, le riserve. Si punterebbe infatti tutto su tre parametri zero ed un giovanissimo, il genoano Boakye, che difficilmente potrebbero incidere. Trattandosi di panchinari, comunque, potremmo accontentarci di svincolare Dmitri Sychev e Baye Djibi Fall dal Lokomotiv e il buon Mariano Pavone dal River Plate.

Nel complesso, comunque, una squadra quantomeno di buon livello, direi. Con una spesa totale di 128.300.000 € si potrebbe allestire questa rosa la cui età media è di poco inferiore ai 25 anni.

Voi che ne dite? Dove potrebbe arrivare?

Portieri

Manuel Neuer 25 Schalke 04 24.000.000 €
Edwin van der Sar 40 Manchester U. Parametro 0
Mattia Perin 18 Genoa 700.000 €

 

Difensori

Philippe Mexes 29 Roma Parametro 0
Alessandro Nesta 35 Milan Parametro 0
Reto Ziegler 25 Sampdoria Parametro 0
Taye Taiwo 25 Olympique M. Parametro 0
Chidi Odiah 27 CSKA M. Parametro 0
Michele Camporese 18 Fiorentina 2.000.000 €
Simon Kjaer 22 Wolfsburg 11.000.000 €
Kyriakos Papadopoulos 19 Schalke 04 3.000.000 €
Atsuto Uchida 23 Schalke 04 4.500.000 €

 

Centrocampisti

Andrea Pirlo 31 Milan Parametro 0
Michele Pazienza 28 Napoli Parametro 0
Stephen Ireland 24 Newcastle Parametro 0
Christian Noboa 26 Rubin Parametro 0
Eden Hazard 20 Lille 18.000.000 €
Javier Mascherano 26 Barcellona 25.000.000 €
Per Ciljan Skjelbred 23 Rosenborg Parametro 0
Mats Rits 17 GBA Parametro 0

 

Attaccanti

Mariano Pavone 28 River Plate Parametro 0
Dmitri Sychev 27 Lokomotiv M. Parametro 0
Baye Djibi Fall 25 Lokomotiv M. Parametro 0
Edinson Cavani 24 Napoli 19.000.000 €
Hulk 24 Porto 21.000.000 €
Richmond Boakye 18 Genoa 100.000 €

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Ad otto sole giornate dal termine del campionato la lotta per le primissime posizione si fa sempre più serrata.

Passato in testa all’undicesima giornata il Milan di Massimiliano Allegri guida il campionato da allora. Dopo i punti persi negli ultimi match, però, la classifica si è accorciata molto, tanto che ora vi è un vero e proprio derby là davanti.

I Rossoneri guidano infatti la volata Scudetto con 62 punti, due più sull’Inter dell’ex Leonardo, tre sul Napoli di Mazzarri e sei sull’Udinese di un sempre sottovalutatissimo Guidolin.

Come finirà la rincorsa alla prima posizione? Il Milan continuerà a guidare la classifica sino in fondo o sarà superato dai cugini Nerazzurri? O, ancora, Napoli ed Udinese potranno spodestare il dominio delle grandi?

Decidetelo voi. O almeno provate a pronosticarlo.

La Repubblica, infatti, propone una sorta di giochino con cui passare un po’ di tempo: andate qui ed indicate i possibili risultati di tutti gli otto match delle prime quattro del campionato e scoprite come secondo voi sarà la classifica a fine anno.

Ecco la mia:

Milan 81
Napoli 79
Inter 77
Udinese 68

Finirà davvero così?
Nah.

Voi però potreste andarci più vicino…

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Più passano i giorni e più la voglia di Mondiale cresce nel sottoscritto come in tutto il mondo anche nonostante i molti infortuni che si stanno susseguendo con un ritmo anche sempre più serrato durante gli ultimi giorni.

Per ingannare il tempo (4 giorni, 11 ore e 55 minuti secondo il countdown ufficiale FIFA) che ci divide dall’inizio del Torneo che vedrà i nostri ragazzi impegnati nel tentativo di riconfermarsi Campioni del Mondo vi invito a partecipare ad un giochino lanciato da Yahoo in questi giorni: Fantasy Mondiali.

Giocare è semplicissimo: si tratta, molto banalmente, di effettuare i propri pronostici sulle partite della prossima rassegna iridata cominciando dalle partite già programmate e che varranno per il primo turno a gironi passando poi per ottavi, quarti e semifinali terminando quindi con finalina e finalissima.

Ho quindi deciso di creare un gruppo privato per i lettori di questo blog, cui mi piacerebbe vi iscriveste tutti (l’iscrizione è gratuita, ovviamente) per poterci poi confrontare a colpi di pronostico.

Partecipare è semplicissimo: occorre avere un account Yahoo (se non l’avete ci mettete comunque due secondi a crearvelo) e ricevere un invito con ID e password del gruppo.
Quindi createvi il vostro account e poi mandatemi una mail (possibilmente specificando nell’oggetto “Fantasy Mondiali”) a francescofedericopagani@gmail.com richiedendo ID e password per poter partecipare. Avendo la vostra mail, quindi, appena mi sarà possibile essere al PC vi inviterò inviandovi anche quanto necessario per entrare a far parte del gruppo.

Da lì in poi starà solo a voi: sbizzarritevi coi vostri pronostici e provate ad azzeccarne il più possibile.

Stefano Tacconi

Non posso ancora darlo per certo ma essendo in contatto diretto con Yahoo dovrei poi avere la possibilità di premiare i migliori. Mi si parlava infatti della possibilità di recapitarmi foto, magliette e palloni che dovrebbero per altro essere autografati da Stefano Tacconi, grande ex portiere juventino e della nostra Nazionale (con cui partecipò, come vice di Zenga, ai Mondiali del 1990), che fa da testimonial alle iniziative di Yahoo inerenti ai mondiali sudafricani (come Yahoo Penalty, di cui vi raccontai qualche settimana orsono).
Non posso ancora darlo per certo, dicevo, perché sono ancora in attesa di una risposta definitiva ma appena saprò qualcosa di più in merito vi potrò dare maggiori delucidazioni. Credo comunque che il bello di confrontarsi allegramente in un gioco del genere, anche senza prendersi troppo sul serio, resti al di là di una maglietta o di un pallone e la soddisfazione di potersi imporre azzeccando la maggior parte dei pronostici penso sarebbe slegata dalla possibilità di ricevere un premio o meno.

In relazione all’eventuale premiazione, comunque, mi sembra anche giusto specificare che chi volesse ritirare il proprio premio (non sapendo ancora cosa potrebbero mandarmi da Yahoo non saprei nemmeno quante persone verranno premiate) potrà farlo o di persona o accollandosi le spese di spedizione postale. In merito, comunque, pubblicherò, a suo tempo, l’elenco dei vincitori che dovranno poi contattarmi per accordarci sulla consegna del premio (ripeto, ammesso e non concesso che Yahoo mi mandi del materiale).

Insomma, il tempo è sempre meno e direi che non ce n’è più da perdere. Fatevi sentire, mandatemi una mail ed entrate nel gruppo “Sciabolata Morbida” dello Yahoo Fantasy Mondiali. E che vinca il migliore!

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: