Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Repubblica Ceca ’15’ Category

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.


Domani inizieranno gli Europei under 21, che personalmente ho introdotto con questa – credo – bella guida alla competizione, che potete scaricare GRATUITAMENTE cliccando qui.

Un articolo che avrei potuto inserire nella guida è quello che riguarda la “top XI pre Europeo”. Ovvero una selezione di undici giocatori – che in campo possano starci davvero – che sulla carta dovrebbero essere i migliori, quelli da cui aspettarsi di più.

Il tutto partendo da alcuni presupposti: innanzitutto il fatto che, come scoprirete leggendo la guida, mancheranno moltissimi possibili grandi protagonisti. Da Perin a Wilshere passando per Gotze ed El Shaarawy, tutta gente che per età potrebbe tranquillamente essere presente in Repubblica Ceca.

Poi il fatto che nonostante le molte assenze sono sicuramente più di undici i giocatori da tenere d’occhio, e non sempre è stata una scelta facile.

E’ un gioco, di fatto. Prendetelo come tale.

Marc-André ter Stegen

Il miglior portiere europeo under 21 in assoluto in realtà non è lui. Pensateci bene. Certo, Ter Stegen ha da poco sollevato al cielo di Berlino la Champions League, disputata da titolare con la maglia del Barcellona. Eppure c’è un altro portiere classe 92 indubbiamente più forte.

E’ belga, ed il Belgio non ci sarà a questi europei. Ma anche ci fosse stato, lui sarebbe stato semplicemente uno dei tanti assenti: Thibaut Courtois.

Dopo di lui, però, ad oggi si piazza sicuramente il portierino ex Monchengladbach. Talento da vendere, esperienza già importante, un processo di maturazione ancora in corso ma certo una “statura” importante per un giocatore rispetto cui gli avversari proveranno sicuramente un certo timore reverenziale.

Calum Chambers

Classe 95. Il che significa che giocherà di molto sotto età, essendo questo il biennio dei 92/93.

Messosi in mostra una stagione fa con la maglia del Southampton, un anno fa passò all’Arsenal, dove ha disputato già 36 match. Mica male.

Di certo qualche altro terzino destro interessante – come l’Azzurro Zappacosta – lo si può trovare nelle otto rose qualificate all’Europeo, ma altrettanto sicuramente la carta oggi ci dice che quello che potenzialmente è l’interprete migliore indossa sicuramente la maglia della nazionale dei Figli d’Albione.

In grado di disimpegnarsi anche centralmente in caso di bisogno, mi aspetto possa garantire qualità in entrambe le fasi di gioco.

Contro di lui, nello scontro che vedrà opposta la nostra nazionale a quella inglese nel corso del primo turno, dovrebbe agire l’italoargentino Christian Battocchio: auguri!

Daniele Rugani

Di lui ormai si parla già come una sorta di fenomeno, ha sentire qua e là per lo stivale. La realtà è che Rugani è un buonissimo difensore – personalmente lo inserii anche nella Carica dei 301, quindi i miei scritti parlano per me – che però ancora non ha quell’esperienza internazionale e quella solidità consolidata che si confà ai giocatori che ricevono elogi sperticati quanto lui.

La realtà delle cose è che la crisi del calcio italiano ci sta facendo aggrappare con tutte le nostre forze a quei relativamente pochi ragazzi di talento e maturità che nonostante la giovane età riescono già oggi a giocare ad un certo livello.

In questo senso Rugani ha dimostrato di reggere la Serie A senza problemi, ma personalmente non avevo dubbi. Ora l’anno prossimo farà sicuramente un passo avanti, che sia Juventus o prestito ad una squadra che, plausibilmente, giocherà in Europa (si parla di Sampdoria).

Prima, però, dovrà confermarsi come uno dei migliori giovani difensori a livello europeo. Classe 94, giocherà anche lui da sotto età.

Matthias Ginter

Debbo dire che la tentazione di inserire la coppia presumibilmente titolare della nostra Nazionale – e quindi Romagnoli per Ginter – l’ho anche avuta, ma ritengo che oggi sulla carta il tedesco dia più sicurezze.

Campione del Mondo in carica, avendo partecipato alla spedizione di un anno fa in Brasile, Ginter lasciò Friburgo proprio in quel periodo per tentare il salto – ad oggi fallito – al Borussia Dortmund.

Il tempo e le prospettive restano comunque tutte dalla parte di questo rocciosissimo difensore centrale di 189 centimetri per 87 chilogrammi.

Anche lui nato nel 1994, sarà uno dei tanti sotto età che potremo ammirare nel corso della competizione.

Raphaël Guerreiro

Giocherà invece da “in età” Raphaël Guerreiro, terzino sinistro portoghese di proprietà del Lorient.

Debbo dire che sulla fascia sinistra – pensate ad esempio che l’Italia potrebbe schierare l’oggi non irresistibile Biraghi, o in alternativa il “destro” Sabelli – non ho visto moltissima scelta di livello, quantomeno scelte sulla carta inferiori agli altri ruoli.

Alla fine ho scelto quindi questo giocatore dalle doti spiccatamente offensive che punta a diventare a breve un membro della Nazionale maggiore lusitana. Coentrao è avvisato.

Emre Can

Dovrebbe poi giocare a centrocampo, plausibilmente proprio come mediano in una linea a due uomini, il Reds Emre Can. Che, classe 94, sarà uno dei tanti sotto età della competizione (e di questa formazione).

Il ragazzo lasciò la Baviera un anno fa per passare a Liverpool, dove pur con diversi problemi – un po’ tutti avrete visto quanto sia stata difficoltosa la stagione di Gerrard e compagni – lui è riuscito in qualche modo ad imporsi, giocando per altro in diversi ruoli, prevalentemente in difesa.

Il centrocampista tedesco di origine turca ha sicuramente una grandissima base tanto tecnica quanto fisico-atletica e si candida ad essere uno dei migliori giocatori della competizione.

Pierre-Emile Højbjerg

Dallo stesso settore giovanile, ovverso sia quello del Bayern Monaco, esce anche il danese Pierre-Emile Højbjerg, unico giocatore non tedesco, italiano, portoghese o inglese presente in formazione.

Ammetto che questa è stata la scelta più difficile tra le undici.

Ero infatti tentatissimo di prediligere Stefano Sturaro, un giocatore con gambe e polmoni eccezionali che ad un’eccellente capacità di portare “quantità” alla propria squadra abbina anche una più che discreta “qualità”.

Alla fine, però, ho prediletto un giocatore tecnicamente molto dotato – probabilmente tra i più dotati del torneo – come appunto il ragazzo che ha passato gli ultimi sei mesi in prestito all’Augsburg.

Saranno sicuramente lui e Fischer i due giocatori cui, in fase di costruzione, dovranno aggrapparsi i giovani danesi.

Domenico Berardi

Ammetto che a me questo ragazzo non convince ancora del tutto.

Oddio, intendiamoci: parliamo di un classe 94 che di talento ne ha da vendere, è sicuro. Che in Serie A, in due anni, ha già dimostrato non solo di starci, ma di saper anche incidere. Per quanto non in maniera del tutto costante, ancora.

Però molti lo dipingono come un fenomeno, cosa che al massimo – e forse – può essere giusto in potenziale.

Di certo, però, a livello di under 21 ha un potenziale, appunto, tale per cui potrebbe essere su per giù devastante.

Non il miglior giocatore sulla carta, ma di sicuro uno dei migliori in assoluto. Tanto da meritarsi la titolarità in questa sorta di Top XI.

Ora ripaghi sul campo tutte le aspettative che ci sono su di lui. Di fatto credo sia la chiave di volta per la nostra Nazionale.

Max Meyer

Nato nel 1995, ha già più di 70 match disputati in maglia Schalke e un esordio con la Nazionale maggiore alle spalle.

Di fatto credo possa bastare questo per far capire un po’ a tutti che, almeno sulla carta, non ci si può non aspettare moltissimo da questo peperino di 173 centimetri che fa di rapidità e qualità tecnica le proprie armi vincenti.

Davvero un buon giocatore, che mi aspetto possa risultare trascinante, pur sotto età, in una Nazionale che parte coi favori del pronostico.

Bernardo Silva

Il suo trasferimento al Monaco ha fatto discutere molto, essendo arrivato per più di 15 milioni a fronte del fatto che non poteva valerne così tanti, vista la scarsissima esperienza pregressa. Ma lì ci sono dietro i soliti fondi di speculazione, quindi vale tutto…

A prescindere da questo parliamo comunque di un buonissimo talento che ha tecnica da vendere e che in una nazionale di palleggiatori si trova a meraviglia coi tanti compagni altrettanto dotati sotto questo profilo.

In realtà debbo dire che me lo aspetterei partire più centrale, con Rafa Silva a sinistra. Ma come mostrato nel Monaco parliamo di un ragazzo che può occupare tutte le posizioni della trequarti senza alcun tipo di problema. Tra cui, appunto, quella di esterno sinistro, forse in assoluto quella in cui può rendere meglio.

Harry Kane

Viene da una stagione strepitosa e non potevo che inserire lui come prima ed unica punta di questa sorta di Top XI.

Giocatore che volendo potrebbe anche far reparto da solo, nel probabile 4-4-2 inglese sarà invece affiancato da Saido Berahino, con cui sulla carta forma forse la coppia migliore dell’intera competizione.

Quest’anno è stato a tratti devastante e per lui si parla di cifre assurde, qualora dovesse muoversi sul mercato (50/60 milioni, non due spicci).

Inutile dire che ad oggi parte col potenziale per fare onde e trascinare la propria Nazionale. Ora c’è da capire se si confermerà sul campo.


Compra il mio secondo libro, “La carica dei 301″! Costa solo 1 euro!
Facebook      Twitterblog      Twitterpersonale      G+      Youtube      Instagram

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: