Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Coppa Italia’

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Torna, dopo l’1 a 1 nella gara disputata ieri tra Lazio e Napoli, la Coppa Italia, con l’andata della semifinale tra Juventus e Fiorentina.

Prendendo spunto dalle probabili formazioni pubblicate sulla Gazzetta di oggi andiamo a vedere, ruolo per ruolo, quale squadra parte – sulla carta – avvantaggiata.

Storari vs Neto

Neto iniziò male la sua avventura italiana, crescendo però nel tempo sino a guadagnarsi la fiducia di tutto l’ambiente Viola e ad iniziare a rendere per quelle che erano le aspettative.
Promesso sposo proprio della Juventus, è un portiere di buon livello. Ad oggi sicuramente superiore al pur buon Storari, la cui carriera è però ormai arrivata – con ogni probabilità – alla fine.

Caceres vs. Richards

Caceres è un jolly di difesa che mi è sempre piaciuto, già da ben prima che arrivasse in Italia. Spesso troppo irruento, ha quella garra tipica dei giocatori sudamericani che non può lasciarmi indifferente.
Richards, di contro, è una vera promessa mancata: ai suoi esordi in maglia Citizens stregò tutti, ed un suo futuro ad altissimo livello sembrava praticamente scontato.
Ultimamente l’inglese sembra si stia ritrovando, dopo momenti bui passati nelle ultime stagioni. Però ad oggi dovessi scegliere tra i due prenderei sicuramente l’uruguaiano.

Bonucci vs. Basanta

Un po’ come Neto, Bonucci ha passato stagioni non facilissime, ricche di sbavature troppo marchiane per potersi imporre ad alto livello. Quest’anno invece, gli va riconosciuto, la sua percentuale di errore si è abbassata molto, e l’ex Bari sembra si stia attestando su livelli importanti.
Ecco perché la sfida a distanza con Basanta non può che vincerla lui.

Ogbonna vs. Gonzalo

Tecnicamente tutt’altro che disprezzabile, Angelo Ogbonna è un centrale difensivo che non ha mai saputo fare il salto di qualità soprattutto da un punto di vista della concentrazione mentale.
Se oltre ad avere piedi discreti – per il ruolo, almeno – è stato da sempre dotato di doti fisico-atletiche eccezionali, proprio la testa, in senso lato, gli ha sempre fatto difetto. Fin dalle prime volte che lo vidi giocare, quando era ancora un ragazzino, fu sempre la scarsa capacità di concentrarsi il limite che gli imputai. Un limite che continua ad avere tutt’ora.
Proprio per questo motivo Gonzalo Rodriguez, tra i centrali più affidabili dell’intera Serie A, vince il duello senza discussioni.

Padoin vs. Alonso

Negli ultimi tempi Padoin è diventato una sorta di fenomeno della rete. Inneggiato da più parti, un po’ come in passato capitò al buon Moscardelli, viene così però quasi svilito nel suo valore effettivo. Jolly di buon rendimento, può occupare senza problemi almeno quattro diverse posizioni in campo, tra cui quella di terzino.
Certo non un fenomeno ma nemmeno un buco unico, personalmente prenderei lui in un eventuale duello con Alonso.

Vidal vs. Aquilani

Da una parte una delle migliori mezz’ali al mondo. Dall’altra un eterno incompiuto.
Vero, Vidal nell’ultimo anno – da quando ciò ha iniziato ad avere problemi di salute che non sembrano ancora del tutto superati – ha reso sicuramente meno rispetto al suo potenziale. Vero anche, però, che Aquilani ha sempre promesso tantissimo ma mantenuto poco, vuoi per i molti infortuni che l’hanno colpito quando ci si aspettava un salto di qualità, vuoi per una certa fragilità mentale che sembra accompagnarlo ancora oggi.
Di certo c’è solo che oggi, tra i due, prenderei tutta la vita il cileno.

Marchisio vs. Badelj

Intendiamoci, Marchisio non è Pirlo. Il miglior Pirlo. Ma del resto nemmeno Badelj vale, oggi, uno scarpino di Pizarro.
Ecco, ci fosse in campo il cileno prendei probabilmente lui, anziché Claudio Marchisio. Ma nel duello col croato è sicuramente quest’ultimo a vincere, anche forte di un rendimento da perno centrale che non mi sarei mai aspettato da lui, mezz’ala fatta e finita.

Pogba vs. Fernandez

Ai tempi del Colo Colo stravedevo per Mati Fernandez, re delle rabone e talento tracimante.
Il suo impatto in Europa, però, è stato molto al di sotto delle aspettative, anche se probabilmente era prevedibile sarebbe andata così.
Fattostà che nonostante a Firenze si stia comportando sicuramente in maniera più che dignitosa, un confronto diretto con Paul Pogba non può che vederlo uscire sconfitto…

Pepe vs Joaquin

Personalmente Pepe non mi ha mai fatto impazzire. Grande atleta, tecnica discreta, abnegazione assoluta. Ma sull’esterno vorrei sempre giocatori con quel quid in più. Quello spunto che ti porta a superare l’avversario in maniera secca, creare superiorità numerica, spaccare le difese.
Esattamente ciò che in gioventù riusciva a Joaquin. Che dopo un periodo non facile è tornato su ottimi livelli. E che quest’anno sta giocando sicuramente una delle migliori annate della propria carriera.

Llorente vs. Gomez

Chi mi conosce sa che apprezzo molto Fernando Llorente, da sempre. Un giocatore che in Spagna, nell’Athletic, diede bella mostra di sé, tanto da guadagnarsi la chiamata della Juve.
A Torino non ha sempre fatto bene. Certo non negli ultimi mesi. Ecco perché nonostante i suoi tanti limiti ad oggi scelgo comunque Mario Gomez, un giocatore che mi sembra comunque più affidabile sotto rete.

Coman vs. Salah

Salah, ho già avuto modo di parlarne sui miei profili Facebook e Twitter, ha avuto un impatto devastante in Italia, nonostante anche lui abbia qualche limite evidente (e già palesato anche in Viola).
Coman invece è un giovane di grande prospettiva, ma che – come del resto era preventivabile – a Torino sta facendo molta fatica a trovare spazio.
Se si parlasse di prospettiva la sfida sarebbe aperta. Parlando di oggi, invece, la discussione credo non possa nemmeno partire.

Risultato

Ecco quindi che con una rapida cernita dei probabili undici in campo (anche se personalmente resto dubbioso, in particolar modo per quanto concerne l’attacco Bianconero) il responso è questo: la Juve si aggiudica il confronto ruolo per ruolo con 6 giocatori contro 5.

Il che farebbe pensare che la partita potrebbe essere equilibrata. Come in effetti mi aspetterei, anche al di là di questo giochino…

_______________________________________________________________

Compra il mio secondo libro, “La carica dei 301″! Costa solo 1 euro!

Facebook      Twitterblog      Twitterpersonale      G+      Youtube      Instagram

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Premessa doverosa: ieri sera avevo un impegno e non ho guardato Roma – Juventus.

Ciò detto, stamattina mi sono andato a guardare un paio di azioni: quelle dei due goal.

Posto che come ben sa chi mi segue da tempo fare moviola non mi interessa, mi concentrerò sulla rete – decisiva – subita dalla Juventus. In particolare sui due errori di Bonucci.

Partiamo da un presupposto: citare la palla persa che da il la all’azione è secondo me poco sensato. Sono cose che accadono diverse volte a partita, sia per errori tecnici dei singoli che per bravura degli avversari.
Non è quindi pensabile addurre la palla persa a difesa degli errori che vengono compiuti da lì in avanti. Semplicemente perché un errore non può giustificarne un altro.

Scendiamo quindi nello specifico e analizziamo le cose un passo alla volta.

Quando il pallone sta spiovendo verso il centro del campo la situazione è semplice: la difesa sta scappando verso la propria area di rigore, come in una classica azione a palla scoperta.
Certo, in questo caso il possesso non è ancora di nessun giocatore della Roma, ma Bonucci non può non vedere che a pochi passi da lui c’è Miralem Pjanic.
Così il centrale juventino si muove in controtempo coi propri compagni di reparto, che scappando non vanno a coprire l’uscita in pressione da parte dell’ex difensore del Bari.

Detto-fatto Pjanic sprinta, accorcia sul pallone e riesce ad anticipare l’avversario. Che oltre a sbagliare il movimento (secondo chi scrive, va da sé che ognuno poi avrà la propria opinione) entra poi senza nerbo, molle, facendosi appunto anticipare troppo facilmente dal centrocampista bosniaco della Roma.

L’uscita a vuoto di Bonucci spiana quindi la strada al contropiede romanista. Un contropiede che sarebbe potuto partire lo stesso, ma che con il temporeggiamento in blocco della linea difensiva sarebbe potuto essere contenuto più facilmente dalla stessa.

A questo punto difesa e centrocampo sono costretti a rinculare, partendo però da una posizione svantaggiata, trovandosi ad inseguire gli avversari.
Giunti al limite dell’area di rigore la situazione è chiara: Gervinho sta tagliando verso l’area di rigore, mentre Strootman si sta sovrapponendo da sinistra, dettando il passaggio a Pjanic.

Strootman insegue quindi la palla, riuscendo a raggiungerla e crossarla prima che finisca oltre il fondo.
Nell’immagine che segue si può però cogliere il momento in cui Gervinho inizia il proprio contromovimento: dopo aver puntato il centro dell’area di rigore decide di tagliare verso il primo palo, provando ad anticipare Bonucci.

La cosa riesce: Bonucci recupera la posizione corretta, ma lì si pianta. Gervinho fa quindi una sorta di “taglia fuori”, converge sul primo palo e passa davanti al difensore Bianconero. Che, appunto, piantatosi sulle gambe non reagisce.

Così facendo riesce effettivamente ad anticipare Bonucci. Il contromovimento è perfetto, Gervinho si trova sul primo palo, all’interno dell’area piccola, e tra due difensori.

Senza che nessuno dei due, però, possa fare nulla per anticiparlo.

A questo punto qualcuno potrebbe prendersela anche con Storari, con il pallone che gli passa giusto sotto il braccio.

La realtà dei fatti però è che Storari può poco-nulla in questa situazione. E che esattamente come detto all’inizio del pezzo, se delle piccole colpe si possono trovare anche tra i compagni di squadra, nulla di tutto ciò può sminuire le responsabilità dello stesso Bonucci. Che pecca in pieno ben due volte nella stessa azione, spianando la strada al goal romanista che vale l’eliminazione dalla Coppa Italia per la Juventus.

________________________________________________________________

Facebook      Twitterblog      Twitterpersonale      G+      Youtube      Instagram
Acquista il mio primo libro: La carica dei 201!

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

CRONACA

La prima conclusione a rete arriva dopo tre minuti di gioco: a portarla è Carraro che dopo aver lanciato Iemmello dalla propria trequarti arriverà a rimorchio del proprio compagno di reparto per liberare un destro radente il suolo che non avrà però la giusta potenza per poter realmente impensierire Pigliacelli, che farà suo il pallone senza difficoltà.
Sul fronte opposto bella invece la conclusione portata da Viviani dopo otto minuti, con Seculin che si distende alla sua destra per respingere a pugni chiusi un pallone dall’effetto particolarissimo.

Buon momento per la Roma, che un solo minuto più tardi arriverà alla conclusione con Dieme che da dentro l’area metterà in difficoltà l’estremo difensore Viola, bravo comunque a farsi trovare pronto ancora una volta.
All’undicesimo è invece Iemmello a ricevere palla all’interno dell’area giallorossa: la punta viola sarà quindi bravissima a controllare palla appoggiandosi al diretto marcatore per saltarlo poi sfruttando proprio l’appoggio, andandosi a portare in situazione di uno contro uno con Pigliacelli che sarà a sua volta bravo a respingere la conclusione portata dall’avversario sul fondo.

Mladen che sarà però bravo al quattordicesimo quando andrà a chiudere con una spallata importante Salifu, infilatosi in area dopo una bella accelerazione condita da un ottimo uno-due con Carraro.
Al ventesimo azione interessante costruita dalla Fiorentina con Taddei che pescherà con un bel lancio lungo Iemmello che dopo aver difeso palla servirà Agyey, il quale si allungherà però troppo il pallone favorendo la chiusura della difesa giallorossa.

Al ventiseiesimo occasionissima viola: Acosty effettua una grande azione sulla destra, creando scompiglio nella difesa romanista. Giunto in area, quindi, l’ala destra ghanese offrirà centralmente il pallone ad Agyey, la cui conclusione di prima intenzione a botta sicura sarà però respinta dal corpo di un avversario. La sfera, ribattuta, terminerà dunque a Salifu, che ci proverà a sua volta di prima intenzione, non trovando però lo specchio di porta.
Sul fronte opposto, un paio di minuti più tardi, punizione da posizione favorevole per Viviani, la cui conclusione sarà però deviata provvidenzialmente in angolo dalla barriera. Sul corner bravo quindi Iemmello a dare manforte in difesa sfruttando la propria fisicità per spazzare l’area di rigore.

Dopo la mezz’ora di gioco la partita attraverserà quindi una fase di stanca che porterà le due squadre a tirare un po’ i remi in barca, abbassando notevolmente il ritmo del match.
In chiusura di prima frazione, però, la fiammata giallorossa che porta Montini in area a calciare in diagonale, trovando il palo alla destra di un battuto Seculin.

In apertura di ripresa subito grande occasione per i padroni di casa, con Iemmello che è però anticipato al momento di colpire a rete.
Sul fronte opposto è invece Frascatore, sugli sviluppi di un corner, a bucare clamorosamente il pallone giusto al limite dell’area piccola.

Al cinquantunesimo Carraro si libera sulla trequarti sinistra esplodendo un destro che dovrebbe essere un cross ma si tramuta in tiro, con Pigliacelli che blocca quindi in due tempi distendendosi alla sua sinistra.
Due minuti ed un bello spunto di Bittante sulla sinistra porta la Fiorentina a far girare palla con Carraro e Salifu sino a liberare Acosty al tiro, il cui destro è però assolutamente sballato e non trova la porta.
Al cinquantasettesimo occasionissima Viola: Carraro pesca bene Acosty che finisce a terra dopo aver toccato di petto un pallone che sfilerà quindi in direzione di Iemmello, che si allungherà però troppo la sfera finendo con l’essere fermato dall’uscita di Pigliacelli.

Il goal è nell’aria ma arriva solo al sessantanovesimo quando Federico Carraro è lanciato alle spalle dei difensori giallorossi, un po’ addormentati nell’occasione, e dopo aver bruciato Frascatore si presenta a tu per tu con Pigliacelli, superato con un pallonetto delizioso.

Fiorentina galvanizzata dal vantaggio che un paio di minuti dopo la rete del proprio numero 10 ci riprova: la punizione dello stesso Carraro è intercettata dalla testa di Seferovic, la cui incornata non ha però la forza necessaria ad impensierire il portiere avversario.
Al settantaseiesimo è lo stesso elvetico a creare un’occasione importante sulla sinistra: dopo aver sfondato in fascia, difatti, l’ex Campione del Mondo under 17 centra un pallone su cui, però, Matos è lento ad arrivare, sprecando tutto.

A quel punto la squadra di casa tirerà un po’ i remi in barca, lasciando più spazio agli avversari.
A cinque dal termine, quindi, bello slalom di Caprari che mette a ferro e fuoco la difesa avversaria, venendo però murato in angolo da Seculin.

Sulla battuta del corner erroraccio di Seculin, che si farà scappare una palla facile facile permettendo a Frascatore di siglare il più comodo degli 1 a 1.

La rete del pareggio chiuderà quindi, di fatto, il match.
Tutto rimandato alla gara di ritorno.

COMMENTO

Primo tempo tutto sommato equilibrato quello in scena all’Artemio Franchi, con la Roma che pur dimostrando minor qualità di gioco finirà col creare le occasioni migliori, sfruttando anche una fase difensiva non proprio all’altezza da parte viola, con i giocatori della Fiorentina un pochino troppo statici.

Nella ripresa i padroni di casa scenderanno invece molto più decisi e troveranno quindi forze fisico-atletiche insperate, andando a mettere in grave difficoltà la squadra avversaria.

Il tutto fino alla rete di un vantaggio a quel punto meritato.

Peccato, in tal senso, che Seculin a pochi minuti dalla fine commetta un erroraccio su di un corner che teoricamente non avrebbe dovuto assolutamente impensierire un portiere con le sue capacità.

Tutto rimandato al match di ritorno, quindi. Con una Fiorentina che a questo punto dovrà probabilmente partire a tavoletta sin da subito per non replicare quanto accaduto a Viareggio, andando quindi a perdere la seconda finale di questa stagione.

MVP

Federico Carraro è attualmente uno dei pochi giovani italiani che mi fa ben sperare per il futuro.

Il numero 10 della Primavera Viola, del resto, dimostra di saperci davvero fare, sapendo trattare il pallone con grande capacità e qualità.

Il goal, arrivato con uno splendido pallonetto su dormita generale della difesa avversaria, è quindi solo la ciliegina sulla torta di un’ennesima prestazione sopra le righe di questo talento che meriterebbe un po’ più di fiducia sia a livello di under 21 che di prima squadra.

Honorable mention, infine, per Agyey, mediano dalle grandi qualità atletiche capace di dare sempre grande equilibrio alla propria squadra. Si è sempre comportato davvero bene ogni volta che mi è capitato di vederlo.

TABELLINO

Fiorentina vs. Roma 1 – 1
Marcatori: 69′ Carraro, 86′ Frascatore

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

CRONACA

La partita inizia subito forte: dapprima, al primo di gioco, è Florenzi a provarci da fuori, ma il suo tiro a giro si spegne di poco a lato. Sul fronte opposto, un minuto più tardi, è Mercanti a provarci, con l’attentissimo Pigliacelli che si oppone però neutralizzando la conclusione del numero 10 rosanero.
E’ però solo un fuoco di paglia. Dopo i primi due minuti con un’occasione per parte, infatti, la partita si assesta su ritmi più normali, con le due squadre che si fronteggiano a viso aperto ma con più senno e giudizio.

Al tredicesimo doppia conclusione palermitana: dapprima è Mercanti, ancora una volta chiuso da Pigliacelli, poi è Acquah, che non trova però lo specchio di porta.
Il match stenta però a decollare, e vive di iniziative estemporanee. Perché le due squadre sono molto quadrate e si sfidano senza esclusione di colpi, non dando però modo e spazio agli attacchi avversari di pungere con continuità ed efficacia.

Al ventunesimo, quindi, passa la Roma: sugli sviluppi di un calcio piazzato nasce una sorta di batti e ribatti in area con Orchi che sfrutterà un rimpallo seguente ad una conclusione diagonale di Mladen per far suo il pallone e battere Di Gregorio freddandolo sul secondo palo e chiudendo, dopo il 2 a 0 giallorosso dell’andata, ogni discorso per il passaggio del turno.

Altri undici minuti e i giallorossi arrivano vicinissimi al raddoppio: Caprari entra in area e colpisce d’interno sinistro per beffare Di Gregorio, colpendo però il palo. Sulla respinta del legno arriva quindi Leonardi a ribadire verso la rete, colpendo a sua volta la traversa.
Sul ribaltamento di fronte spunto di Mercanti che offre in mezzo ad un compagno, che firma la rete del pareggio. Il signor Gallo, arbitro dell’incontro, annulla però per fuorigioco.

A cinque dal termine è invece Carioto a provarci. La sua conclusione di prima intenzione termina però a lato, non inquadrando lo specchio di porta e, di fatto, chiudendo la prima frazione di gioco.

La ripresa si apre con la Roma in avanti: Dieme filtra in area per Sabelli che gira di prima in mezzo, trovando la deviazione si Amedeo Silvestri che per poco non beffa il proprio portiere.
Qualche minuto più tardi è invece Acquah, dal limite, a provarci. Il destro del centrocampista ghanese portato in Italia da Antonhy Yeboah non centra però la porta, sfilando di poco a lato del palo alla sinistra di Pigliacelli.

Al quarto d’ora torna quindi a farsi vedere la Roma: Leonardi calcia da fuori e Di Gregorio respinge, non riuscendo però a parare in due tempi per via del forte vento che gli impedisce di intervenire proficuamente sul pallone.
Al ventesimo è invece il Palermo a farsi vedere: Carioto converge bene in area da sinistra lanciandosi poi a terra una volta contrato da Mladen. L’arbitro lascia correre, ma ci sarebbe forse potuta stare l’ammonizione per il giovane rosanero, reo di aver simulato cercando il rigore.

Sul ribaltamento di fronte ci prova invece Beziccheri al volo, ma il suo piatto destro si spegne sul fondo.
Al ventiseiesimo Leonardi ha sul destro la palla per chiudere il match. Dopo il buono stop in area, però, il numero 9 giallorosso liscia incredibilmente la conclusione, facendosi poi quindi chiudere da Di Gregorio.

Leonardi che si rifarà però tre minuti più tardi quando Leonardi sarà servito alle spalle dei due centrali e dopo aver saltato proprio il portiere rosanero firmerà la rete del due a zero, coronando al meglio l’ottimo assist del compagno.

Il Palermo arriva quindi vicino al goal a cinque dal termine con Mercanti che dopo essere stato servito da Acquah non riesce a superare il portiere avversario, che riesce a salvarsi anche grazie all’intervento dei suoi compagni di squadra.
Ad un solo minuto dal termine arriva il rigore per il Palermo: Mercanti è servito in area e termina a terra su contatto di Orchi. L’arbitro non ha molti dubbi e assegna un rigore in realtà piuttosto generoso. Sul punto di battuta si presenta Acqua che beffa Pigliacelli con un rigore pressoché imparabile che chiude il match.

COMMENTO

Il passaggio del turno non era discussione. E non lo è stato in nessun momento della partita.

Perché forte del 2 a 0 dell’andata la Roma aveva in mano l’approdo alle semifinali. Ed essendo pure una squadra più forte e compatta era anche scontato che difficilmente il Palermo, finalista lo scorso anno contro il Milan, potesse realmente impedire ai capitolini di accedere al penultimo turno della coppa.

E così è stato.

Roma che ha indubbiamente meritato la vittoria, per quanto di contro i padroni di casa abbiano giocato una partita sicuramente discreta e, tutto sommato, non avrebbero rubato nulla nemmeno se avessero pareggiato.

Di certo il goal di Acquah, MVP del match, era il minimo, per i ragazzi di Beruatto. Perché un’ennesima sconfitta con due goal di scarto sarebbe stata eccessiva, proprio anche in funzione di quanto visto oggi sul campo del CUS di Palermo.

TABELLINO

Palermo vs. Roma 1 – 2
Marcatori: 21′ Orchi, 74′ Leonardi, 89′ Acquah
Palermo: Di Gregorio; Fricano, A. Silvestri, Maniero, L. Silvestri (65′ Orlando), Acquah, Vassallo (45′ Viscuso), Cristofari, Piazza, Mercanti, Carioto (78′ Mineo). A disposizione: Ippolito, Contino, Sanseverino, Grippi. Allenatore: Paolo Beruatto.
Roma: Pigliacelli, Sabelli, Frascatore (78′ Piscitella), Mladen, Orchi, Viviani, Caprari, Florenzi, Leonardi, Ciciretti (51′ Bezzicheri), Dieme (78′ Falasca). A disposizione: Proietti Gaffi, Amendola, Carboni, Thiam. Allenatore: Alberto De Rossi.
Arbitro: Michele Gallo di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) Assistenti: Rizzo e Allegra
Ammoniti: L. Silvestri

Read Full Post »

COMMENTO
Milan – Novara doveva essere l’esordio dal primo minuto di Simone Verdi, giovane stellina della Primavera milanista che tanto bene sta facendo nel corso della sua carriera giovanile in quel di Milano da ricevere lodi su lodi. Leonardo, Galliani, i tifosi… tutti uniti da una grande convinzione: Simone Verdi è il futuro dell’attacco Rossonero.

De Vito contrato da un giocatore del Novara. Discreto esordio per il terzino Rossonero

Con questa prospettiva ho quindi deciso di recarmi in quel di San Siro per assistere ad un evento che, a suo modo, sarebbe potuto essere storico. Qualora Verdi mantenesse le promesse fatte in questo inizio di stagione, infatti, sarebbe stato sicuramente da ricordare il suo esordio ufficiale in prima squadra.

Purtroppo le cose non si sono messe benissimo da subito: infortunatosi nei giorni immediatamente precedenti al match Simone è arrivato un po’ giù di corda all’appuntamento con la storia, venendo quindi panchinato da coach Leonardo. Il tutto fino a venticinque minuti dalla fine del match quando l’allenatore carioca decide di dare la possibilità a Verdi di mettersi in mostra. Il ragazzo entra così al posto di uno spento Di Gennaro per provare a ravvivare la manovra Rossonera.

Purtroppo le precarie condizioni di forma del ragazzo lo portano ad essere piuttosto avulso dalla manovra e a non incidere: non tocca moltissimi palloni e comunque quando lo fa non riesce a creare reali pericoli alla porta difesa da Fontana. Conclude una sola volta, non trovando lo specchio con un tiro piuttosto molle che non prende il giro giusto. Combina pochino, insomma, dimostrando anche di essere un po’ smarrito. Ma da un ragazzo di 17 anni non ci si può aspettare fuoco e fiamme, giusto quindi che Verdi possa continuare il suo processo di maturazione in Primavera venendo magari di tanto in tanto proposto in prima squadra, di modo da accrescere il suo bagaglio di esperienze.

Parlando della partita in generale, invece, non si può che fare dei grandissimi complimenti sia a Tesser che ai suoi ragazzi, innanzitutto. Il tecnico degli ospiti, infatti, schiera molto bene i suoi che tengono il campo alla perfezione senza subire eccessivamente la manovra di una squadra che nonostante giochi con molti rincalzi resta comunque qualche pista avanti, almeno sulla carta. Certo, specialmente nel primo tempo serve un grandissimo Fontana ad evitare un passivo che sarebbe dovuto essere ben più pesante, ma i giocatori del Novara si battono alla grande. Tutto sommato meritato, proprio in relazione all’impegno costante profuso nell’arco di tutti i novanta minuti, è quindi il pareggio firmato in apertura di ripresa che esalta i circa 7000 tifosi giunti dal Piemonte al seguito della squadra.

Inzaghi festeggia coi propri compagni il goal dell'1 a 0

Spettacolo non indifferente vedere tutto quel pubblico di fede novarese contro un paio di sparuti gruppi di milanisti, in numero nettamente inferiore rispetto ai tifosi avversi.

Detto del Novara, quindi, è d’obbligo spendere due parole anche riguardo ai giocatori del Milan ed alle loro prestazioni.

Pochi i promossi a pieni voti. Tra questi sicuramente un Inzaghi molto pimpante. Non tocca un numero spropositato di palloni ma quelli che gli arrivano li amministra piuttosto bene, spendendosi anche, in fase di non possesso, in un buon lavoro atto ad allargare la difesa avversaria con movimenti, alternati a quelli di Huntelaar, che lo portavano spesso a tagliare dal centro verso la fascia ed al contrario.

Bene anche Ambrosini, vera colonna del centrocampo, che si batte con grande ardore su ogni pallone, quasi come fosse una finale di Champions League.

E bene, anche se più per il goal che per la prestazione in sè, Mathieu Flamini, che decide il match con una prodezza balistica. Del resto davanti ad un super Fontana poco altro si poteva fare per trovare la rete.

Senza infamia e senza lode, invece, Favalli, Bonera, Jankulovski ed Abate.

Piuttosto negative risultano infine le prove di Kaladze (spesse volte in affanno), Huntelaar (mai incisivo) e Di Gennaro (un trequartista dovrebbe amministrare molto meglio la palla).

Discorso a parte per il giovane De Vito: anche lui all’esordio in maglia Rossonera si comporta abbastanza bene. Non cerca mai di strafare e si limita quasi sempre al compitino. Un paio di sbavature difensive sarebbero costate caro contro altri avversari, ma il buono di giocare in partite come questa è che, se Dio vuole, si possono commettere anche piccoli errori che non compromettano tutto. Anche lui come Verdi, comunque, è bene che completi il proprio processo di maturazione lontano dalla prima squadra. Nonostante la prestazione discreta, infatti, appare abbastanza palese come non sia ancora pronto per giocare a certi livelli.

MVP
Il man of the match non può che essere, a mio avviso, il portiere del Novara: Alberto Maria Fontana.
E’ lui infatti, come già detto in sede di commento, a tenere in partita i suoi nel corso di un primo tempo in cui pur senza giocare alla morte i giocatori del Milan producono diverse palle goal interessanti, che lui è più volte bravo a sventare con interventi da Serie A.

Per batterlo, quindi, i giocatori milanisti devono affidarsi prima ad un tiro deviato che disegna una traiettoria imparabile, poi ad una conclusione che balisticamente rasenta la perfezione effettuata da Flamini.

TABELLINO
MILAN vs. NOVARA 2-1
MARCATORI: Inzaghi al 12′ pt, Gonzalez al 1′ st, Flamini al 36′ st.
MILAN: Storari; Bonera (dal 1′ st Abate), Kaladze, Favalli, De Vito; Flamini, Ambrosini, Jankulovski; Di Gennaro (dal 20′ st Verdi); Inzaghi, Huntelaar. All.: Leonardo.
NOVARA: Fontana; Cossentino, Centurioni, Ludi (dal 28′ st Lisuzzo), Gheller; Shala, Porcari, Tombesi (dal 34′ st Vicentini); Rigoni (dal 38′ st Motta); Bertani, Gonzalez. All.: Tesser.
ARBITRO: Candussio (Cervignano del Friuli).

Read Full Post »

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

E’ la Lazio a spuntarla in una finale non particolarmente piacevole da un punto di vista tecnico-spettacolare su di una Sampdoria piuttosto spenta, aggrappata ai suoi quattro giocatori migliori, gli unici forse davvero degni di un palcoscenico di quel genere.

Bellissimo, di sicuro, lo spettacolo mostrato dai tifosi: un Olimpico carico di pubblico come si vede davvero raramente, un Olimpico, per ovvi motivi, per larga parte Biancoceleste. Ma non solo: ben 18000 mila, infatti, erano i tifosi blucerchiati al seguito della squadra, tifosi che si sono fatti sentire incessantemente per tutta la partita (rigori compresi) e che hanno sostenuto la squadra anche dopo la sconfitta, innalzando cori di supporto ai loro beniamini.

Magari il calcio fosse sempre questo!

Partita che finisce sull’1 a 1 per via delle reti di Zarate e Pazzini e che si trascina stancamente fino ai calci di rigore, vero obiettivo, è sembrato almeno a noi che guardavamo la partita da casa, di Mazzarri: il tecnico Doriano, infatti, ha dimostrato ancora una volta di essere forse troppo prudente ed ha fatto giocare i suoi come se stessero giocandosi una finale di Champions League contro il Manchester United.

La cosa, però, non ha pagato: decisivi, dagli 11 metri, gli errori di Cassano e Campagnaro (due di quei quattro giocatori di cui parlavo prima, assieme a capitan Palombo e Pazzini), uniti alle parate di Muslera. Il portierino uruguagio, infatti, dopo essere stato bistrattato per tutta la scorsa stagione (dove era finito a fare la riserva di Ballotta) aveva cominciato questa annata come dodicesimo dietro a Carrizo. Le poco brillanti prestazioni del portiere dell’Albiceleste, però, hanno portato Rossi a dare una seconda chance a Fernando, che l’ha sfruttata appieno. Il culmine ieri sera, con Muslera, assieme a Zarate, eroe di serata.

Sarà quindi la Lazio a partecipare alla prossima Coppa UEFA o, per meglio dire, Europa League.

Read Full Post »

Pesantissima vittoria Doriana nella seconda semifinale di Coppa Italia: i Blucerchiati, infatti, superano con un inaspettato 3 a 0 i loro avversari nerazzurri e pongono una seria ipoteca sull’accesso in finale, che se non scontato è ora ampiamente alla loro portata.

La vittoria matura nel primo tempo, quando un’Inter sottotono (e non può essere certo tutto spiegabile con il turnover effettuato da Mourinho) commette diversi errori grossolani e si fa prendere a pallonate dai padroni di casa.

Samp che passa in vantaggio dopo nove soli minuti quando Rivas, ultimo uomo, controlla male un pallone giocato con troppa sufficienza, facendoselo soffiare da Cassano; il talento di Bari Vecchia, quindi, si presenta a tu per tu contro Toldo ed infila il secondo di Julio Cesar in uscita con un bel tocco sotto.

La reazione ospite non è all’altezza della situazione, e alla mezz’ora il Doria raddoppia grazie a Pazzini che, sugli sviluppi di un corner, viene lasciato tutto solo dentro l’area piccola, così che è per lui un gioco da ragazzi correggere in rete il pallone prolungato da Raggi, bucando Toldo.

In chiusura di frazione, poi, una magia di Cassano da il la alla terza rete: dopo aver saltato Rivas il fantasista Blucerchiato serve un pallone che taglia tutta l’area ed arriva col contagiri a Stankevicius che calcia di prima trovando per la respinta di Toldo; la palla carambola quindi parallela alla linea di porta e su di essa si avventa Cordoba che però cerca di rinviarla maldestramente offrendola a Pazzini: per la punta doriana è un gioco da ragazzi chiudere il match siglando la sua doppietta personale.

Inter che torna quindi negli spogliatoi all’intervallo con le gambe tagliate. Qui Mourinho deciderà anche di inserire Maicon per un disastroso Rivas, ma la mossa non darà i frutti sperati nonostante il terzino brasiliano faccia molto meglio del collega colombiano.

Il primo quarto d’ora della ripresa scorre senza particolari sussulti: l’Inter è sicuramente un’altra squadra rispetto al primo tempo, più sicura e decisa, ma il Doria controlla comunque senza particolare affanno.

Poi, però, Gastaldello commette un’ingenuità enorme andando ad intervenire malamente su Balotelli poco oltre il limite dell’area e guadagnandosi il suo sacrosanto secondo cartellino giallo.

Con la Samp in 10, quindi, l’Inter aumenterà ulteriormente la pressione sull’acceleratore, andando a creare diverse occasioni interessanti. In tutte queste occasioni, però, troverà un Castellazzi in giornata strepitosa, capace di dire no a tutti i tentativi di realizzazione interisti, salvaguardando quindi l’importantissimo risultato maturato nel corso della prima frazione di gioco.

Da verificare inoltre le condizioni di Balotelli: a metà circa della ripresa, infatti, la punta Nerazzurra finirà schiantata contro il palo nel tentativo di anticipare Castellazzi su di un pallone sparato lungo in area. Lì per lì, nonostante si fosse visto subito come la forza dell’urto fosse notevole, sembrava non ci fossero problemi per Mario. Pochi istanti più tardi, però, l’attaccante dell’under21 italiana crolla a terra a centrocampo e viene portato via in barella.

Dalle immagini non sembra sbatta la testa contro il palo, ma l’apprensione vissuta in quegli attimi è stata comunque molta.

Ora ci si augura non sia comunque nulla di grave per il colored italiano.

Sampdoria che, scesa in campo praticamente in formazione tipo, mette una seria ipoteca sull’approdo in finale, con un’Inter che invece deve rimpiangere la bambola del primo tempo e l’imprecisione del secondo (anche se in realtà c’è forse più da fare i complimenti a Castellazzi in questo caso).

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: