Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 21 giugno 2012

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

L’epoca d’oro per la Repubblica Ceca è ormai finita, ma si sapeva.

Lontani i tempi in cui Nedved e i suoi “fratellini” trascinarono per due volte la propria nazionale tra le quattro migliori del continente.

Nonostante questo la nazionale oggi allenata da Bilek passa, un po’ a sorpresa, il girone per poi uscire, comunque a testa alta, contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo.

Che ora può essere la chiave di volta di quest’Europeo.

Perché se la Germania è stata fino ad ora uno schiacciasassi e la Spagna resta la Spagna i lusitani possono schierare quello che se non è il giocatore migliore al mondo lo è, e per distacco, d’Europa.

Ronaldo che non ha iniziato benissimo il suo Europeo ma che è cresciuto di condizione e anche oggi ha deciso la partita da par suo.

Due pali nel primo tempo, tanto per gradire, rete nella ripresa, quando Moutinho affonda in fascia manco fosse ala di riconosciuta esperienza e crossa sul secondo palo, dove Gebre Selassie (terzino comunque dall’atletismo e dalla spinta interessante) si addormenta lasciando a Ronaldo la possibilità di tagliare e insaccare di testa.

Vittoria comunque meritatissima per i ragazzi di Bento. Vittoria che sarebbe potuta essere molto più ampia se solo la sfortuna e un Cech ad alto livello non si fossero opposti.

Molto indicativi i dati statistici di questo match, che vedono il Portogallo scoccare nel complesso ben 20 conclusioni, contro le sole 2 dei ceki.

Per non parlare del possesso palla, nettamente a favore dei lusitani (62%), del numero di corner (11 a 6) e delle percentuali di passaggio (83% per i portoghesi, 68% per gli avversari).

Insomma, una partita senza storia che ha visto la squadra migliore avanzare in semifinale.

Penultimo atto del Campionato Europeo che la nazionale che fu di Eusebio raggiunge per la quarta volta nella propria storia, dopo le esperienze del 1984, del 2000 e del 2004.

Ora, quindi, Ronaldo e compagni dovranno pensare a questa nuova sfida. E in attesa di sapere chi dovranno affrontare di certo tutti, in Portogallo, staranno già iniziando a sperare nella prima vittoria di un torneo da parte della propria rappresentativa nazionale (che fino ad oggi ha raccolto solo un bronzo mondiale ed un argento europeo, oltre ad una medaglia “di legno” alle Olimpiadi di Atlanta).

________________________________________________________________

Profilo Twitter personale: http://twitter.com/Mahor17
Profilo Twitter blog: http://twitter.com/sciabolatablog
Pagina Facebook blog: http://www.facebook.com/sciabolatamorbida

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: